Prigionia

siamese twinsAltro che 50 Sfumature, se cercate un romanzo potentemente BDSM vi consiglio di leggere La vita sessuale delle gemelle siamesi di Irvine Welsh, lo stesso autore di Trainspotting.
Lucy è una personal tranier esperta di arti marziali, una control-freak aggressiva e ninfomane. Vive un breve periodo di celebrità per via di un video che la riprende disarmare e immobilizzare un uomo durante un’aggressione. La testimone che ha ripreso e diffuso il filmato, Lena, una ragazza obesa e depressa, sviluppa per l’eroina Lucy una vera e propria ossessione. La rintraccia e la ingaggia come personal trainer. Neppure Lucy è indifferente a Lena: ne disprezza la trascuratezza fisica ed il carattere debole e manipolatore. Gode nel torturarla con esercizi massacranti a ritmi marziali. Lena, sorprendentemente, si lascia torturare.
Si sviluppa pian piano un attaccamento morboso, una dipendenza psicologica reciproca tra aguzzino e vittima, tra voyerismo e coercizione, ben oltre il Safe, Sane & Consensual. Le relazioni BDSM sono messe in scena, simulazioni concordate di un’aggressione fisica o mentale, che si limitano spesso al tempo della sessione. Nel libro le protagoniste fanno sul serio. Passa la differenza tra bondage e sequestro di persona. Ma le dinamiche dei rapporti di forza tra i personaggi, tutta la componente emotiva, il desiderio di controllo, la tendenza alla sottomissione, sono gli stessi meccanismi psicologici su cui facciamo leva nei nostri giochi.
Il periodo di prigionia assume il valore di un percorso di iniziazione alla fine del quale entrambe le protagoniste saranno libere dalla gabbia delle aspettative sociali e dai comportamenti e i pensieri indotti dall’educazione familiare. Lena si libererà dalla corazza di grasso, ma anche la tenace e volitiva Lucy dismetterà la sua armatura-prigione a seguito di un percorso di sottomissione e tortura speculare a quello a cui aveva sottoposto la sua controparte.
Lena non è testarda come Lucy, la libererebbe se lei glielo chiedesse, non ce la fa a vederla in lacrime. Ma Lucy è la solita: piange, ma non intende mollare, sente che ha bisogno di essere torturata, ha bisogno della sua gabbia, perché sa che ha una lezione da imparare!

E vissero tutte felici e contente.

7 thoughts on “Prigionia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...