Tempus fugit

clockE’ vero che il tempo sta trascorrendo in fretta, come mi avevano predetto.

Sono indaffarata, lavoro tanto, sono sempre in auto…

Cavia dice che gli manco. C’erano spazi e riti condivisi a cui eravamo abituati e affezionati ed in cui ora manco, appunto: le cene insieme, le passeggiate, il letto… Manco agli amici, vicini e colleghi. C’ero, ed ora sono altrove.

Io invece non sento nulla. Dovrei provare qualcosa: tristezza, nostalgia, mancanza… Immaginavo che quando sarei tornata per i weekend mi sarei commossa ed emozionata. Invece mi trovo a domandarmi inebetita ed incredula come sia possibile che soli due mesi fa abitassi lì. Non sento di mancare. È più come se non ci avessi mai vissuto e non me ne fossi mai andata. Cancellata.

Sono sospesa. Ho interrotto la mia vita. Sto vivendo quella di un’altra persona. Io non sono io e quello che succede non succede a me. Ed è per questo che non sento nulla.

In ogni caso, il secondo mese è trascorso.

5 thoughts on “Tempus fugit

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s