Giovedì bondage

Giovedì scorso Agata, con fare didattico, annuncia: – Adesso facciamo una mezz’ora di manette e no-dome!

Un’ora dopo era legata con le cosce bloccate e le mani ammanettate al punto di sospensione.

– Parla sporca spia sovietica, o ti rimando da tuo compagno Stalin a pezzi dopo che i miei uomini si sono divertiti con te!

Lei cerca di scappare in giro, per quanto le è possibile. Ha paura, ma esclama:- Non tradirò mai i miei compagni! 

Sberla, la afferro per i capelli, riavvicinandola.  –Parla, cagna stalinista! 

Pugno nello stomaco…

– Coff coff! Fottiti nazista di merda!

Così si riguadagnano la libertà e i buoni pompino.

La Cavia

5 thoughts on “Giovedì bondage

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...