Quaranta giorni di astinenza

Sesso capelli lunghi agata pornoridicolo adult babyAlla dimissione dall’ospedale mi hanno dato un foglio con le indicazioni per il post partum.

C’è scritto che non ci sono controindicazioni per la ripresa dei rapporti sessuali.

L’ostetrica aggiunge: –Noi però consigliamo di aspettare 40 giorni.

Sì, credici…

Nel caso in cui non ci siano lacerazioni e suture, quest’indicazione precauzionale non ha fondamenti scientifici.

È piuttosto basata su un preconcetto per cui le donne sono traumatizzate dal travaglio, disgustate dal proprio corpo e troppo stanche anche solo per pensare al sesso.

Cito da un articolo secondo me raccapricciante preso da un sito che per altri versi trovo abbastanza valido:

“Morale: il sesso diventa un’altra incombenza alla quale rinunciamo volentieri e quando finalmente poggiamo la testa sul cuscino, ad un incontro a luci rosse preferiamo di gran lunga un’ora in più di sonno!”

 

Marina Abramović – il corpo e il sangue

marina abramovic femminismo corpo esperimenti performance

M. Abramovic by Jillian Tamaki

Di Arte io so poco. Marina Abramović però la conoscono tutti, di come ha sacrificato il proprio corpo come spazio di espressione artistica, anche attraverso il sangue e la violenza.

Non è dissimile da ciò che facciamo “noi” con il BDSM? Il corpo non è sacro ed inviolabile. E’ strumento di espressione e sperimentazione.

La performance che mi ha colpito di più è quella in cui l’artista è rimasta immobile per 6 ore durante le quali gli spettatori erano invitati ad usare liberamente su di lei 72 tra oggetti di piacere ed altri di distruzione.

Marina Abramović ricorda così le ultime due ore: “Mi sono sentita violentata, mi hanno tagliato i vestiti, mi hanno premuto spine di rose sull’addome. Ho persino avuto la pistola puntata alla testa“. Si dice che si fossero creati due gruppi, uno di aggressori e un altro a protezione dell’artista. Trovate un resoconto qui.

body performance Abramovic

Rhythm 0, Galleria Morra, Napoli, 1974

Non è solo l‘innegabile coraggio dell’artista a sconvolgermi, ma quanto sia stato facile indurre delle persone normali a seviziare un altro essere umano quando se n’è presentata l’occasione. Facciamoci poche illusioni: nessuno di noi è intrinsecamente buono.

Per approfondire il podcast biografico della serie Morgana di Michela Murgia. 

Per ridere invece consiglio il video dell’imitazione di Virginia Raffaele!