Tutti siamo stati principianti

Sul finire dell’estate 2013 ho capito di voler approfondire il mio interesse per il bdsm.
Nonostante qualche piccolo intoppo, il mio ingresso nella scena è stato rapido e semplice.
Al giorno 2 ho comprato delle corde, dopo una settimana provavo a legare le mie amiche. Ho conosciuto Damiano, il mio attuale convivente e playpartner, dopo un mese.

Il debutto vero e proprio è stato ad un corso di shibari a Padova: sono andata sola, ho dormito in hotel ed ho trascorso un weekend con degli sconosciuti. Ci avrò investito almeno 150€, oltre che tempo ed una certa dose di coraggio. È stata un’esperienza entusiasmante e rivelatoria!

Alla luce di ciò, quelli che mi scrivono di aver paura di venire ad un munch mi appaiono ridicoli. Capisco il loro timore, anche io ero molto emozionata per il mio primo corso di bondage! Però o affronti le tue paure, o muori di seghe!

Cosa consiglio quindi ad una persona che voglia entrare nell’ambiente? Di seguire queste istruzioni: iscriversi a Fetlife, entrare a far parte del gruppo Bdsm Trentino Alto Adige, presentarsi e intervenire nelle discussioni. Lì sono pubblicate le date gli aperitivi informali, detti munch, dove è possibile incontrare me e le altre persone del gruppo. Investimento: 2 ore e 4€.

Non posso (e non voglio) incontrare tutti i singoli che mi contattano. Io incontro le persone nuove SOLO agli eventi pubblici.

Vi aspetto sul gruppo fetlife.
Agata

 

Waiting to be fed – free interpretation of Venus of Urbino by Tiziano

 

I don’t live it 24/7, but I expect to be served while reading my kobo naked on my bed.

Parla, sporca spia sovietica! ovvero un bondage role play comunista

A proposito di soldatesse sovietiche, una vecchia scena improvvisata, ma ben riuscita 😀

PornoRidicolo NSFW


Giovedì scorso Agata, con fare didattico, annuncia: – Adesso facciamo una mezz’ora di manette e no-dome!

Un’ora dopo era legata con le cosce bloccate e le mani ammanettate al punto di sospensione.

– Parla sporca spia sovietica, o ti rimando da tuo compagno Stalin a pezzi dopo che i miei uomini si sono divertiti con te!

Lei cerca di scappare in giro, per quanto le è possibile. Ha paura, ma esclama:- Non tradirò mai i miei compagni! 

Sberla, la afferro per i capelli, riavvicinandola.  –Parla, cagna stalinista! 

Pugno nello stomaco…

– Coff coff! Fottiti nazista di merda!

Così si riguadagnano la libertà e i buoni pompino.

La Cavia

View original post