Caro sconosciuto che richiede una prestazione sessuale via chat

C' posta

Caro sconosciuto che non si presenta, ma richiede una prestazione sessuale via chat anonima,

forse non ci hai pensato, ma non sei il solo ad aver avuto questa trovata.

Le tue fantasie non mi solleticano, anzi le trovo piuttosto banali…

Se hai un impellenza specifica da soddisfare, non ti importa con chi, ti consiglio di rivolgerti ad una prodomme, cioè una professionista esperta di BDSM che ti aiuterà in cambio di un compenso. Non posso aiutarti in questo: io non sono nè una prodomme nè una mezzana.

Oppure, strada più lenta ed impegnativa, frequenta la comunità kink della tua area e trovati una play partner con cui instaurare una relazione e negoziare delle pratiche che piacciono ad entrambi. Posso in questo caso suggerirti dei gruppi di discussione su facebook o fetlife.

 

BDSM meme

bdsm meme agata grop bondage cat

Dopo un po’ di indecisione sul dove ospitare la mia collezione di immagini BDSM themed, ho ripristinato la pagina su questo blog. Non c’è tanta roba su, per il momento.

https://pornoridicolo.com/bdsm-meme/

Poi quando avrò voglia e tempo, vedrò cosa fare di quel migliaio di immagini di shibari che ho sul pc e che non ho ancora sistemato 😐

 

Cento e uno racconti erotici – recensione

cento-e-uno-racconti-erotici-9788895412955

La settimana scorsa ho scaricato dal kobo-store una raccolta gratuita di racconti erotici curata dal sito Eroxè.

Ho scorso l’indice, ho cliccato sul primo racconto palesemente BDSM e da lì in poi ho cominciato a leggere tutti i successivi.

All’inizio mi faceva ridere. Nel racconto sadomaso non c’era sesso, solo una slave che cammina sugli scarafaggi, poi la versione contemporanea di Cupido, una coppia che viene presa dalla passione mentre mangia un fritto di pesce e si accoppia sul tavolo del ristorante…

Poi non m’ha fatto ridere più. Man mano che andavo avanti con la lettura mi sono resa conto che la maggior parte dei racconti descrive donne che subiscono avances, approcci o rapporti sessuali non consenzienti!

Immaginate di leggere prima di palpeggiamenti in metro, poi di una ragazza che viene seguita per strada, quella presa con la forza da uno sconosciuto, delle sevizie subite da una vittima della tratta delle bianche… tutti così, uno dopo l’altro!

Va bene, le fantasie di stupro sono molto diffuse, lo so. Ma tutti questi racconti, uno dopo l’altro, compongono un quadro ripugnante! Un rigetto simile l’avevo sviluppato ascoltando lo sceneggiato radio Il Mercante di Fiori. Bellissimo, per carità… ma alla lunga disturbante.

Poi dicono che non esiste la cultura dello stupro… Se questa raccolta ha un valore statistico e gli autori dei racconti rappresentano l’immaginario erotico italiano, direi che non esiste la cultura della consensualità!