Valetudo Night – a micro BDSM playparty review

Ecco una recensione illustrata del micro playparty che ho organizzato lo scorso weekend.

Bondage, of course! Ma anche cera, pet play, caning, electro play ed uno strap-on rosa!

L’idea iniziale era di affittare una baita, invece siamo finiti in centro città. Ma il risultato è stato ugualmente fantastico. Ovviamente grazie all’entusiasmo dei partecipanti, alla genuina voglia di condividere e divertirsi!

Il nobile pedinatore di Trento

Ieri pomeriggio avevo appuntamento con un signore che mi aveva contattata per informazioni sugli eventi di bondage e si era detto disponibile a mettere a disposizione una chiesa sconsacrata di sua proprietà come location.
La Cavia è tornata di corsa da lavoro per arrivare in tempo, ha iniziato anche a piovere, ma siamo molto curiosi di vedere la chiesa!
Quando arriviamo al punto concordato, lui non c’è. In quell’istante mi arriva un sms.

image

All’inizio non avevo pensato fosse lui! Che c’entra l’empatia?? Poi controllo il numero, ed effettivamente è  lui!
Provo a telefonargli 5 o 6 volte. Se non ha il coraggio di farsi vedere, almeno deve darmi una spiegazione a voce! Ma il vile rifiuta le chiamate.

image

L’ho un po’ esagerata, ma sicuramente sarà meglio che non ci incrociamo mai!

image

Ci ha pedinati…

image

Siamo brutti! Si vede che lui le location le fitta solo ai belli… Chi sa lui cosa s’era messo in testa invece, di finire a letto con noi?
Comunque sono molto contenta che si sia eliminato da solo. Ecco elaborato un nuovo strumento di selezione in ingresso. D’ora in poi agli appuntamenti vado solo in birkenstock, chi storce il naso è fuori!

Post picnic 1

11666081_1590702157884634_7453756425287971311_n

Ieri finalmente c’è stato il bondage picnic. L’evento è stato bello e secondo me è riuscito nel suo scopo. Il clima era piacevole, la location buona. C’era qualche curioso in più rispetto all’anno scorso. Credo che abbiamo offerto un piacevole spettacolo ai passanti. Io ho legato quasi ininterrottamente fino alle sette di sera. Si sono gentilmente prestate tre persone che reagiscono alle corde in maniera totalmente diversa. Ho imparato moltissimo anche questa volta. Grazie a tutti i partecipanti!

Momento dello sfogo:

Come immaginavo, e sotto certi aspetti speravo, non eravamo tantissimi, una decina, i soliti… Mi spiace che non siano potute intervenire alcune persone che c’erano lo scorso anno. Mi spiace che alcune persone che praticano shibari a casa non se la sentano di partecipare ad eventi pubblici e/o collettivi. Mi spiace che altre, seppur interessate, abbiano deciso alla fine di non venire.

Però se esistono peer-rope, corsi, bondage picnic, munch non vedo perchè la gente poi mi scassi il cazzo insistendo per incontrarmi singolarmente e/o praticare bondage in privato. Se siete sposati, fidanzati, politicanti, timidi o cessi è un problema vostro, non è un problema mio!

Infine sono contenta non siano intervenuti i peggio maniaci che mi hanno contattato tramite la pagina dell’evento su facebook:

Da quando l’evento è apparso sui social ho dovuto sopportare decine di questi leoni da tastiera. Sono nauseata. Oggi parto e mi disintossico lontana da facebook. La prossima volta spero di pubblicare qualche bella foto dell’evento.