L’ora dei conti

sordi

Il periodo di confino è quasi concluso. Non so ancora cosa ne sarà di me l’anno prossimo e cerco di non pensarci.

E’ stata durissima, peggio di quando mi aspettassi! Ma poteva essere disastroso, e non lo è stato. Sono sopravvissuta.

Stasera ho fatto un calcolo approssimativo di quanto ho speso in biglietti aerei e del treno da settembre scorso. Siamo intorno ai 2500 euro, almeno.

Ma va bene così, potevo anche non avere i sabati liberi, poteva non esserci l’aeroporto vicino casa…

Tempus fugit

clockE’ vero che il tempo sta trascorrendo in fretta, come mi avevano predetto.

Sono indaffarata, lavoro tanto, sono sempre in auto…

Cavia dice che gli manco. C’erano spazi e riti condivisi a cui eravamo abituati e affezionati ed in cui ora manco, appunto: le cene insieme, le passeggiate, il letto… Manco agli amici, vicini e colleghi. C’ero, ed ora sono altrove.

Io invece non sento nulla. Dovrei provare qualcosa: tristezza, nostalgia, mancanza… Immaginavo che quando sarei tornata per i weekend mi sarei commossa ed emozionata. Invece mi trovo a domandarmi inebetita ed incredula come sia possibile che soli due mesi fa abitassi lì. Non sento di mancare. È più come se non ci avessi mai vissuto e non me ne fossi mai andata. Cancellata.

Sono sospesa. Ho interrotto la mia vita. Sto vivendo quella di un’altra persona. Io non sono io e quello che succede non succede a me. Ed è per questo che non sento nulla.

In ogni caso, il secondo mese è trascorso.

Deadline

bondage picnic2

Sono un po’ in arretrato con le cose che avrei voluto scrivere.

Ho vissuto con molta intensità l’ultimo mese prima del trasferimento. Avere una data di scadenza è stata una spinta a darsi da fare, sperimentare e mettersi alla prova. Se non ci fosse stata la deadline non avrei superato la paura di andare in vacanza con la sua famiglia ed accogliere un altro nel nostro letto.

Il secondo picnic di quest’anno doveva essere una cosa piccola, avrei salutato la comunità trentina. Ed invece sono venute tante persone da fuori regione, è stato fantastico!

Ora però sono lontana e triste…