Quiete

Yoga-Vacation

Sono in affanno.

Mi faccio trascinare dal molto amore, molte passioni, molti interessi, molto lavoro, molti doveri.

Non ce la faccio.

Vado di sottrazione. Elimino tutti gli impegni extra-lavorativi in Campania.

Bondage – basta tentativi di creare una rope family qui.

Jujitsu – nonostante la pratica delle arti marziali sia diventata un bisogno, correre in palestra la sera aggiunge ansia all’ansia della giornata.

Mi spiace per le persone belle che ho incontrato…

 

Rope family

image

Sono in aeroporto. Questi giorni sono volati troppo in fretta, ho pianto un sacco mentre venivo qui. Ora mi bruciano gli occhi.

Sono stata bene, come sempre. Vita familiare e, questa volta, anche corde.
L’ultima sera, ieri, abbiamo organizzato un peer rope casalingo: quattro coppie che legavano e il nostro fotografo.  Quest’atmosfera intima in cui si lega in sicurezza ed in amicizia è in assoluto quella che preferisco! Come i picnic.
Ho ripreso finalmente in mano le corde dopo il workshop dello scorso weekend ed ho messo in pratica sospendendo per la prima volta del tutto la mia Cavia… Per un lungo doloroso minuto! Ma è un gran passo avanti nella giusta direzione.
Mi sono fatta legare anche io… Diamine, se ne avevo bisogno!

Il volo che dovevo prendere è cancellato a causa della nebbia. Ci spostano in un altro aeroporto e partiamo da lì. Sarà un viaggio lungo!