The Power by Naomi Alderman – review

Ever since I bought my kobo, I’ve been reading a lot. My latest book is The Power, or, Ragazze elettriche, by Naomi Alderman.

ragazze elettriche power agata grop porno ridicolo recensione

Illustration inspired by The Power, Naomi Alderman

This author follows in Margaret Atwood‘s footsteps with a dystopian science fiction novel based on gender inequality.

As opposed to Handmaid’s tale, here finally women get the power and it’s their turn to abuse it! In this fictional world, men are afraid of women rather than women being afraid of men. Men must submit to survive!

That seems horrible, unjust and absurd, but then I started to realize that it is exactly the way it works, with inverted roles. It is true that we women are raised to avoid any behaviour which could lead to a conflict with a man, in constant fear of being assaulted or hurt. It got to me, how much fear influences our lives?

______________________________italian_____________________________

Naomi Alderman descrive un mondo distopico in cui gli uomini vivono nel terrore di essere aggrediti dalle donne. Un punto di vista assurdo che aiuta a comprendere le dinamiche di genere nella nostra realtà.

L’ho preso dopo aver ascoltato un podcast di Michela Murgia dedicato a Margaret Atwood, l’autrice del romanzo Il racconto dell’ancella.

Vengono citati anche altri due romanzi: Girls di Jessica Schiefauer, breve, accettabile, e Solo per sempre tua di Louise O’Neill, che fa proprio cagare, non compratelo!

N’ascella sì e n’ascella no

Sono stata al mare la settimana scorsa. Silképil ovunque prima di partire…

Soltanto al secondo giorno, mentre mettevo la crema in spiaggia, mi sono accorta del fattaccio!

Avevo fatto un’ascella sì e un’ascella no!

n'ascella sì e n'ascella noA ragà, lo sapete qual è er problema? Che nessuno c’ha più niente da di’! E’ stato detto tutto! cit. Viaggi di nozze di Verdone (video)

BDSM e ruoli di genere

22218_355950267933345_5710827402431240643_nSono profondamente convinta che la contrapposizione binaria tra maschi e femmine vada superata.

La mia impressione è che nel BDSM invece queste posizioni si radicalizzino o si riaffermino attraverso una “perversa” inversione di ruoli.

Esempio: mi si dice che io ho una relazione Femled. Ma questa parola che significa? Che la portatrice di figa comanda e il portatore di cazzo obbedisce?? A parte lo scambio di ruoli, che passo avanti abbiamo fatto rispetto alla società del XX secolo?

Non mi sta bene per niente! Nella mia relazione voglio comandare in quanto Agata tout court, a prescindere dal sesso biologico.

Io voglio essere considerata una persona sempre e mi offenderò ogni qual volta si darà per scontato o si pretenderà un comportamento da me in quanto femmina! Non solo mi incazzo contro quelli che pretenderebbero che cucinassi e stirassi camicie ma pure contro chi mi vorrebbe assisa in poltrona a farmi leccare i piedi, così, senza conoscermi nemmeno! Giammai!